"INUIT DEL LARIO" - CANOA KAJAK 90 A.S.D.

LA PASSIONE PER IL KAYAK DA MARE, LA NATURA E GLI AMICI...



"vorrei imparare dal vento a respirare, dalla pioggia a cadere,
dalla corrente a portare le cose dove non vogliono andare
e avere la pazienza delle onde, di andare e venire
ricominciare a fluire..." (Tiromancino)



mercoledì 23 luglio 2008

LAGO IN SALUTE? ECCO I RISULTATI

Sono stati pubblicati i risultati delle analisi eseguite da Legambiente sul Lario in occasione del progetto Goletta dei Laghi. Ho preparato una tabella di sintesi per confrontare i risultati dello scorso anno con quelli appena fatti. La situazione non è molto confortante, è leggermente aumentata la percentuale delle località risultate non inquinate ma è altrettanto aumentata la percentuale di quelle molto inquinate. La sponda lecchese ne esce abbastanza bene, mentre per quella comasca il quadro è decisamente negativo. Personalmente, vista l'eccezionale piovosità di quest'anno e il livello del lago sempre molto alto, mi aspettavo che, a causa dell'effetto diluizione, si registrasse una qualità delle acque più elevata, invece... Evidentemente le reti fognarie e gli impianti di depurazione sono ancora parecchio sottodimensionati rispetto alle effettive necessità, così basta un periodo leggermente più piovoso per mandare in tilt tutto il sistema. Vi rimando al sito del progetto per approfondire la questione e.. tirate voi le vostre conclusioni.
.

1 commento:

  1. Non è detto che un periodo molto piovoso sia di beneficio per i laghi, o meglio: per i laghi situati in contesti molto antropizzati. Intendo dire, la pioggia di per sè è ovviamente benefica, il problema sono le reti fognarie mal ridotte ed in particolare i tanti piccoli scolmatori e depuratori disseminati lungo il territorio che vanno letteralmente in tilt quando piove forte perchè si intasano. In sostanza scaricano direttamente nei laghi. Questo potrebbe essere uno dei motivi dei risultanti non esaltanti, certamente non l'unico..
    Ne approfitto per fare i complimenti ai curatori di questo blog che trovo eccellente.
    Un saluto
    Mauro, kayaker del lago di Annone

    RispondiElimina