"INUIT DEL LARIO" - CANOA KAJAK 90 A.S.D.

LA PASSIONE PER IL KAYAK DA MARE, LA NATURA E GLI AMICI...



"vorrei imparare dal vento a respirare, dalla pioggia a cadere,
dalla corrente a portare le cose dove non vogliono andare
e avere la pazienza delle onde, di andare e venire
ricominciare a fluire..." (Tiromancino)



giovedì 10 giugno 2010

LO SVASSO PICCOLO, L'ELEGANTE TUFFATORE



Appartiene all’ordine Podicipediformes, famiglia Podicipedidae, eleganti uccelli acquatici dalle zampe lobate. Il suo nome scientifico è Podiceps nigricollis. Il nome latino si riferisce al colore nero di testa, collo e dorso in abito nuziale. Due ciuffi dorati spiccano ai lati della testa, mentre le parti inferiori sono più chiare. In inverno perde tutti i colori e diviene molto meno appariscente. Le parti superiori di capo e collo restano nere, ma più sbiadite. Le guance, le parti inferiori del collo e del corpo diventano bianche. E’ appena più grande di un Tuffetto, ma il collo è più lungo e l’aspetto generale più snello. La lunghezza totale è compresa tra 28 e 34 cm.





In riproduzione si rinviene su acque dolci circondate da fitta vegetazione. Nidifica sull’acqua ancorando il nido alla vegetazione acquatica (giunchi). Può essere isolato o in colonie. Si ciba di insetti acquatici e loro larve, molluschi, crostacei e piccoli pesci. In inverno si sposta isolato o in gruppi su litorali marini, lagune, estuari.






In Europa gran parte della popolazione è concentrata in Ucraina, anche se piccoli nuclei sono presenti in molti altri paesi, dalla Spagna alla Gran Bretagna, fino alla Svezia meridionale. Migratore parziale, anche di lunga distanza, sverna prevalentemente sul Mar Nero, Mar Caspio, Mar Rosso e laghi della Turchia. In Lombardia vi sono indizi di nidificazioni irregolari sul Lago di Garda, mentre in inverno è regolarmente presente nei diversi laghi della regione. In Lombardia il contingente svernante è stimato in un migliaio di individui.




Lo Svasso piccolo può nidificare in colonie miste. Spesso trae vantaggio dalla vicinanza di gabbiani comuni, probabilmente perché questi sono molti vigili e pronti a lanciare segnali di allarme ad ogni presenza sospetta, avvertendo così involontariamente anche altre specie.



.

Nessun commento:

Posta un commento