"INUIT DEL LARIO" - CANOA KAJAK 90 A.S.D.

LA PASSIONE PER IL KAYAK DA MARE, LA NATURA E GLI AMICI...



"vorrei imparare dal vento a respirare, dalla pioggia a cadere,
dalla corrente a portare le cose dove non vogliono andare
e avere la pazienza delle onde, di andare e venire
ricominciare a fluire..." (Tiromancino)



lunedì 23 giugno 2008

IL CORMORANO, IL PESCATORE NERO DEL LAGO

Cormorano in atterraggio al tramontoCi capita di incontrarlo nelle nostre uscite invernali in kayak, mentre è intento ad asciugare la ali al sole. Appartiene all’ordine PELECANIFORMES, famiglia PHALACROCORACIDAE, grossi uccelli acquatici con zampe palmate e becco uncinato. Il suo nome scientifico è Phalacrocorax carbo.
.
il decollo dall'acqua richiede una lunga e pesante rincorsaIl nome latino si riferisce al piumaggio, che è quasi del tutto nero, con tenui riflessi metallici sul dorso. In abito nuziale sono bianchi il mento, le guance e le cosce. Durante l’inverno le macchie bianche sulle cosce scompaiono e quelle sulle guance divengono meno evidenti, ma in ogni caso sufficienti per distinguerlo dal Marangone dal ciuffo. Rispetto a quest’ultimo e al Marangone minore è anche più grande, potendo raggiungere il metro di lunghezza complessiva.
.
Un Cormorano si asciuga sulla statua di S. Nicolò a LeccoNidifica sugli alberi e sulle falesie, in prossimità di laghi o mari ricchi di pesce, che sono il suo alimento principale, in colonie talvolta miste con l’Airone cenerino, di cui può riutilizzare vecchi nidi. Il suo nido è una grossa coppa formata da rami intrecciati. Si alimenta esclusivamente di pesce, effettuando movimenti di decine di chilometri tra dormitori e zone di pesca.
.
Durante la notte trovano rifugio tra i rami di grossi alberi Da poco nidificante in Italia, in Lombardia non nidifica (ma sono ormai diffuse osservazioni di individui anche in periodo estivo), mentre sverna regolarmente sui laghi , sui fiumi e presso gran parte degli ambienti acquatici con sufficienti risorse alimentari.
.
Cormorano adulto in volo La singolare abitudine di posarsi su un albero, su un palo o su una roccia allargando le ali è dovuta alla necessita di asciugare le ali dopo essere stato in acqua. A differenza della maggior parte degli uccelli acquatici i cormorani infatti non hanno il piumaggio impermeabile.
.
Un gruppo di cormorani posati su alcuni pali emergenti dall'acqua si asciuga dopo la pesca Foto di Riccardo Agretti.

Nessun commento:

Posta un commento