"INUIT DEL LARIO" - CANOA KAJAK 90 A.S.D.

LA PASSIONE PER IL KAYAK DA MARE, LA NATURA E GLI AMICI...



"vorrei imparare dal vento a respirare, dalla pioggia a cadere,
dalla corrente a portare le cose dove non vogliono andare
e avere la pazienza delle onde, di andare e venire
ricominciare a fluire..." (Tiromancino)



lunedì 23 settembre 2013

RECUPERI E SALVATAGGI


Si parla di salvataggi quando il kayaker è caduto in acqua, quindi al di fuori del pozzetto. I salvataggi si possono distinguere in: autosalvataggi e salvataggi assistiti. Gli autosalvataggi si possono effettuare grazie al paddle float, un galleggiante (rigido o gonfiabile) che può essere fissato ad un’estremità della pagaia. Appoggiando il manico della pagaia fornita di paddle float a poppa del pozzetto del kayak, si ottiene un bilanciere che facilita notevolmente la manovra di risalita sulla barca. Un’altra tecnica di auto salvataggio è rappresentata dal rientro a eskimo. Una volta usciti dal kayak, per rientrare nel pozzetto si effettua una mezza capriola sotto il kayak e, attraverso una spazzata, magari a pala lunga, si ristabilisce l’equilibrio. Con un valido sistema di svuotamento, questa manovra permette di risolvere situazioni critiche in tempi molto rapidi. 




I salvataggi assistiti sono quelli che prevedono l’aiuto di uno o più kayaker del gruppo. Una volta in acqua, l’intervento di un compagno può facilitare le cose, sia per quanto riguarda al risalita in kayak sia per lo svuotamento. I moderni kayak da mare, grazie alla presenza delle paratie stagne ed al fatto che il ponte anteriore è di solito più alto di quello posteriore, quando sono ruotati e leggermente sollevati, possono essere facilmente svuotati anche in acqua, non costringendo così a sbarcare. 


Le tecniche di recupero, così come i salvataggi devono essere provate e riprovate, coinvolgendo gli amici con cui si pagaia più spesso. E’ preferibile frequentare un corso ed apprendere le diverse tecniche per arrivare ad un completo controllo del mezzo. Dopo il corso, è fondamentale praticare assiduamente, magari partecipando alle manifestazioni che sempre più spesso vengono organizzate in Italia e all’estero. La partecipazione ad un corso non deve essere intesa come un punto di arrivo, ma come punto di partenza che apre gli orizzonti della favolosa attività del kayak da mare. 



Nessun commento:

Posta un commento